wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

L'UE vieta l'esportazione di vini e liquori di lusso in Russia. Questo embargo, sostenuto anche dal gruppo G7 delle sette maggiori nazioni industrializzate, fa parte delle sanzioni imposte dopo l'attacco russo all'Ucraina il 24 febbraio. L'obiettivo è quello di "negare l'accesso ai beni di lusso e ai beni agli oligarchi e alle élite che sostengono la guerra del presidente Putin", secondo un comunicato.

Ciò che conta esattamente come un bene di lusso, tuttavia, deve ancora essere determinato dalla Commissione UE. Questo dipende dai paesi sanzionati e dal commercio registrato in passato. La lista dovrebbe essere basata sui regolamenti del 2019 per la Corea del Nord. Questo copre 300 classi tariffarie, dalla pelletteria e i cosmetici ai cavalli di razza, i tartufi, lo champagne e persino il crémant.

De facto, le spedizioni di costosi vini di denominazione e di liquori pregiati sono già state sospese. Inoltre, sempre più aziende stanno lasciando la Russia "perché non vogliono che i loro marchi siano associati a un regime assassino", ha sottolineato il presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen. In passato, tuttavia, solo pochi vini sono stati consegnati direttamente in Russia, quasi sei volte di più sono entrati nel paese principalmente attraverso gli stati baltici Lettonia e Lituania.

(al / Fonte: vitisphere; Foto: Commissione Europea)

Eventi nelle tue vicinanze