wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Una settimana è breve! Troppo breve, in realtà, per una regione che ci sorprende con impressioni culturali, linguistiche e culinarie così diverse, anche se è una delle cinque più piccole d'Italia.

Chi si aspetterebbe gulasch, frittelle o slivovitz in Italia? L'eredità dei diversi gruppi etnici rende un viaggio culinario una piccola lezione di storia allo stesso tempo. Ripensiamo con nostalgia al pranzo alla Lokanda Devetak a San Michele del Carso, la cui bella cucina slavo-ostera ci ha deliziato tanto quanto l'eccellente stinco di vitello del ristorante La Subida a Cormòns.

La cucina della regione è tanto diversa quanto le sue mentalità. Essendo una regione di confine, la terra è stata soggetta all'influenza di potenze mutevoli nel corso dei secoli, conquistata e colonizzata dai popoli più diversi. Questo ha plasmato fortemente il carattere della gente. Sono descritti come conservatori, timorosi e riservati. E in effetti, i friulani non sono particolarmente calorosi al primo incontro. Da nessuna parte siamo stati accolti e accolti in modo effusivo, come si usa fare altrove in Italia. La maggior parte dei viticoltori erano riservati e scettici all'inizio e solo gradualmente si sono scongelati durante la conversazione. "La gente qui odia i cambiamenti", dice l'enologo Adriano Gigante. Forse è per questo che sono così attaccati alle loro tradizioni, si aggrappano al vecchio e sono timidi verso gli estranei.

Eventi nelle tue vicinanze