wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il 2012 è stato l'anno più tranquillo dal 2000 per quanto riguarda i falsi di vino di culto. Purtroppo il 2013 è iniziato in modo molto diverso. In diverse sedi si sta tentando di frodare clienti e trader con bottiglie senza valore o trasferimenti fasulli. Anche le bottiglie vuote per importi a tre cifre in euro vengono regolarmente messe all'asta su Internet. Spettacolare è il caso che dall'inizio di quest'anno ha fatto scalpore in Austria, Germania, Svizzera e altri Paesi dell'UE. Un commerciante e broker di vini che si spacciava per "Dr. Ferdinand von Rohr" è stato arrestato a Vienna mentre consegnava vini di culto per un valore di circa 50.000 euro. Qui è attivo un giro di contraffazione apparentemente su larga scala. Infatti, con l'arresto del "Dr. Ferdinand von Rohr" (il cui nome civile è Michael S.) sembra essere stata arrestata solo la punta di un iceberg. Le commissioni speciali degli Uffici statali di investigazione criminale (LKA) di Monaco, Colonia e Vienna stanno indagando.

Non solo i vini contraffatti sono stati venduti su larga scala per anni. In Inghilterra, varie bande - soprattutto londinesi - tentano continuamente di frodare commercianti e collezionisti con falsi bonifici bancari. Recentemente, dopo diverse telefonate ed e-mail, mi è stata anche "fortunatamente" inviata via fax la conferma di un bonifico bancario con la richiesta di inviare i vini ordinati il prima possibile. Dopo tutto, per circa 55.530 euro o 46.920 sterline inglesi! Quanti commercianti e collezionisti creduloni spediscano effettivamente i vini ordinati in questo modo resta una grande incognita. Ma uno dopo l'altro.

Caso 1 - Pétrus, Lafite, Le Pin & Co.

Bottiglie, capsule, etichette e OHK contraffatti?

Sensazionale è la notizia dell'arresto di un cittadino tedesco, attualmente In primo piano indagato da polizia e procura - pardon: seduto. Ferdinand von Rohr alias Michael S., che si presentava con vari pseudonimi, vendeva vini costosi su larga scala. Le bottiglie vendute e confiscate, tuttavia, sono quasi sicuramente solo una frazione dei perfetti falsi che non sono ancora stati scoperti. Anche le scatole di legno originali (OHK) con il marchio sono false. Così come le etichette, il tappo e la capsula. E sono così perfetti che un'ispezione più attenta non rivela immediatamente il falso.

In molti casi, solo un esame sensoriale rivela% se un vino è falso. (Fonte: Wein-Plus)

Le bottiglie sono vere? Sarebbe un'ottima cosa! Ci vuole quindi un esperto che abbia bevuto più volte bottiglie vere di questi vini e che quindi "debba" assaggiare una bottiglia di questi presunti falsi. No, no, purtroppo non faccio parte di questi esperti e sono solo un conoscitore di vini pregiati e non un analista. Ma con questi falsi non c'è bisogno di una formazione accademica per assaggiare immediatamente un vino rosso a basso costo nelle bottiglie. Ma bastava aprire e assaggiare una bottiglia di Le Pin 1990 o di Lafite Rothschild 1982. Il falso viene immediatamente smascherato, e invece di una cassa al valore di mercato di circa 42.000 euro per Le Pin 1990 (fonte: Liv-ex), si hanno bottiglie senza valore e un vino che non si vuole nemmeno bere.

Diversi commercianti dell'UE hanno acquistato Lafite, Le Pin, Latour e altri liquori nobili presumibilmente autentici, ma sono stati informati dei falsi subito dopo l'arresto del presunto truffatore. Naturalmente, i commercianti non sono più autorizzati a vendere le bottiglie e non è certo che prima o poi verrà pagato un risarcimento. Se le bottiglie di queste casse siano state rivendute qui o là sarà chiarito da lunghe indagini. E l'entità di questi falsi sorprenderà anche molti appassionati di vino. Le LKA e le procure stanno indagando.

Caso 2 - Furto di dati

Carte falsificate, abuso di dati, conferme amatoriali

Si legge sempre di bande che causano danni milionari in tutto il mondo attraverso la cosiddetta frode delle commissioni anticipate. Se fino a qualche tempo fa erano solo i contanti a interessare i truffatori, da qualche tempo a questa parte sono anche le merci. Orologi costosi, gioielli, elettrodomestici e persino vini pregiati sono ormai sempre più spesso gli oggetti che vogliono derubare. Questo vale anche per alcuni commercianti di vino, me compreso.

I truffatori prendono di mira vini costosi e di alta qualità come il Bordeaux. (Fonte: WineCollect.eu)

Da un numero di cellulare prepagato (cioè con carta SIM prepagata) nel Regno Unito (+44 74 10808535) ho ricevuto una chiamata in un inglese molto "stentato": "Hello! Ho trovato i vostri meravigliosi vini su Internet e vorrei acquistare tutti i Pétrus, Lafite, Latour e altri buoni vini per aggiornare le scorte. Siamo una grande azienda di Londra e il mio manager mi ha detto di fare un ordine". Ebbene, poiché per anni mi è stato chiesto di fornire a tutti i tipi di politici, calciatori e altre celebrità vini di alta qualità in questo modo per banchetti e celebrazioni in Inghilterra, il tutto ovviamente con il nome altisonante di un indirizzo freemail e dietro pagamento anticipato (!), sapevo cosa fare anche di questa chiamata. Ovvero: tentativo di frode! Tuttavia, questa nuova impertinenza mi ha interessato dal punto di vista giornalistico. È seguito un vivace scambio di e-mail e un ordine di vino da parte dei truffatori.
Questo ordine è stato inviato anche ad altri due commercianti di vino a me noti. Probabilmente anche a innumerevoli altri che hanno un negozio su Internet.

L'ordine, inviato dall'indirizzo e-mail export1234ltd@gmx.co.uk (testo originale della falsa mail; nome della società modificato in "1234" per motivi legali):

Caro signor Feldner,

Siamo un'azienda con sede nel Regno Unito e vorremmo instaurare un rapporto commerciale.
Con la vostra azienda troviamo i dati della vostra azienda dall'assicurazione dell'ufficio ucraino il nostro membro di esportazione
Potreste inviare i dati della nostra azienda a www.eulerhermes.de per l'assicurazione dell'assegno di credito?
Euler Hermes è la nostra protezione, la nostra garanzia, la nostra gestione del credito in oltre 50 Paesi.
Potreste inviarci i vostri migliori prezzi unitari per l'esportazione per la nostra conferma d'ordine al più presto.

Ordine dei vini:
Petrus 2005 Quantità disponibile
Petrus 2005 - 150cl
Petrus 2008 - 300cl
Chat: Lafite Rothschild 2000
Chat: Lafite Rothschild 300cl -2008
Chat: Lafite Rothschild 2010
La Tache 1991 / RDC
La Tache 2009 / RC WB
Romanee Conti 2007 DRC
Romanee Conti 2008 DRC
Latour 2000

Tutte le scorte disponibili, compreso il prezzo unitario di esportazione, per la nostra conferma d'ordine al più presto.
Ci auguriamo di sentirvi presto.

Cordiali saluti,

Responsabile dell'esportazione
N.D.

1234 Ltd.
Tribunale di Buckingham
Strada di Londra
High Wycombe, Buckinghamshire HP11 1JU
Regno Unito
Tel:+44 7769092444
Fax: +44 7092983885
Numero di registrazione: 03834103
Partita IVA: GB 306 5573 62
e-mail:export1234ltd@gmx.co.uk
http://www.1234.co.uk

(Il numero di partita IVA fornito è risultato non valido).

Vigneto e castello a Margaux% Bordeaux (Fonte: Wein-Plus)

Per assicurarmi che anche in questo caso la mia intuizione non fosse sbagliata, ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che questa società e l'export manager che mi ha firmato tutte le e-mail esistevano davvero. Ho chiamato la società londinese 1234 Ltd (il nome è cambiato) e dopo diverse conversazioni mi è stato comunicato che l'export manager in questione non aveva emesso alcun ordine. Da quel momento in poi sono stato costantemente in contatto con Anne N., Fraud Analyst, Asset Protection & Investigations Department della 1234 Ltd. Questa grande e rinomata azienda, che si trova a dover fronteggiare ripetutamente tentativi di frode, ha istituito un dipartimento separato per indagare e prevenire contraffazioni e frodi.

Tuttavia, sono rimasto in costante contatto con i truffatori, che presumibilmente avevano bisogno dei vini con tale urgenza da chiamarmi più volte e da contattarmi via e-mail che il bonifico sarebbe stato saldato immediatamente dopo l'emissione della fattura e che avrei ricevuto un fax di conferma del pagamento (vedi sotto). Tutte le e-mail dei truffatori sono state inviate da un accesso pubblico a Internet (hotspot). Tutti gli indirizzi e-mail utilizzati export1234ltd@gmx.co.uk, nd@gmx.co.uk (entrambi alienati qui) e barclybkplc@accountant.com sono legati a manipolazioni secondo 419scam.org, un portale per numeri di telefono e indirizzi e-mail con intenzioni fraudolente. Quattro giorni dopo l'ordine e la fatturazione, ho ricevuto una conferma dalla banca londinese, che era così semplicemente contraffatta da essere immediatamente riconoscibile anche per i non addetti ai lavori. Oltre alla conferma, ho ricevuto in anticipo un'e-mail che indicava l'avvenuto trasferimento del denaro.

Conferma bancaria da parte dei truffatori via e-mail con un numero cospicuo di errori; inviata da ACCOUNT DPT BCLYSbank plcc <barclybkplc@accountant.com>:</barclybkplc@accountant.com>

Gentile signore/signora,

In allegato potete trovare la copia della garanzia irrevocabile del bonifico bancario internazionale. Noi di Barclays Bank garantiamo il pagamento di soli € 55.530,00. titolare di WineCollect Werner Feldner. Banca: banca Salzband: Numero di conto: 403xxx Codice di ordinazione: 3xxxx

Con la presente si concorda con il titolare dell'IBAN:AT.......... che il pagamento effettuato ai sensi e nel rispetto dei termini del bonifico sarà onorato il 22 marzo 2013.

Cordiali saluti,

RESPONSABILE DEL CONTO
ANDREW YOUNG
BARCELLARI

La nota Barclays Bank esiste, ma il suo account manager, Andrew Young, non esiste. Anche la carta intestata utilizzata è contraffatta in modo così amatoriale che ci si chiede come i truffatori possano avere successo con essa. In ogni pagina, il logo della banca è spostato di qualche millimetro e nessun account manager di una banca londinese manterrebbe il suo lavoro con così tanti errori di ortografia. Probabilmente non ne otterremo affatto.

Prima pagina della falsa conferma bancaria (fonte: WineCollect.eu)

Seconda pagina della falsa conferma bancaria (Fonte: WineCollect.eu)

Terza pagina della falsa conferma bancaria (Fonte: WineCollect.eu)

La Metropolitan Police di Londra si sta occupando di decine di casi simili, ma è impotente, perché i truffatori di solito fanno spedire la merce a indirizzi di società abbandonate sotto nomi falsi e che cambiano continuamente. Il giorno della consegna sono presenti diverse persone che trasferiscono immediatamente la merce dal fornitore con l'aiuto di documenti d'identità falsi. Anche agli indirizzi di uffici reali, i truffatori non si fanno scrupoli, aspettano davanti all'edificio e usano frasi del tipo: "Il capo mi ha mandato a sostituirlo, ma lei dovrebbe chiamarlo". Naturalmente utilizzando il numero di cellulare prepagato fornito.

È così che ogni anno migliaia di bottiglie di vino e altri prodotti scompaiono nei canali oscuri in Europa. Anche nel mio caso, l'ufficio frodi mi ha consigliato di astenermi dal presentare una denuncia contro ignoti. In primo luogo, non sono stato danneggiato dalla mia cautela e, in secondo luogo, tutte le persone che hanno tentato questa frode avevano già cambiato nome, indirizzo e-mail, numero di telefono ecc. prima ancora che io scrivessi la prima riga di un reclamo. Ciò che rimane sconosciuto è il numero di venditori in buona fede che inviano la merce ma che purtroppo non ricevono mai il loro denaro. Le persone interessate possono contattare info@weinbetrug.org (discrezione garantita).

Se ora avete voglia di una bella goccia, godetevela, perché la probabilità che apriate un falso è davvero minima, anzi quasi impossibile. I rivenditori affidabili conoscono le loro fonti e i loro clienti e non acquistano o vendono falsi. Tuttavia, non posso garantirlo con le varie vendite private su Internet. Che meraviglia un buon bicchiere di Riesling tedesco o un vino rosso del Burgenland per una piccola somma di denaro. Contraffazione esclusa!

Caso 3 - Bottiglie vuote e OHK

Non è un argomento per criminologi, ma vale la pena di menzionarlo in questo contesto.

Sulla casa d'aste internet Ebay vengono messe all'asta bottiglie vuote e casse di legno dei vini più costosi. Perché qualcuno dovrebbe offrire 311,99 euro per una cassa di legno vuota di Pétrus 1989? Oppure 341,00 euro per il Pétrus 1982 e 368,87 euro per il Pétrus 1990 (vedi foto sotto)? Solo per il legno! Venduto così su Ebay Francia rispettivamente il 3 aprile e il 15 e 21 maggio 2013. Non solo le casse di legno, ma anche le bottiglie vuote di questi vini di culto stanno raggiungendo prezzi che provocano disagio, se non addirittura rabbia, tra gli intenditori e gli appassionati di vino. L'ipotesi è che le casse di legno originali vuote siano state riempite con singole bottiglie che sono state riunite per ottenere prezzi fino al 20% più alti.

Cosa dovrebbe succedere alle bottiglie vuote da 200-300 euro lo lascio all'immaginazione dei lettori. I produttori hanno lavorato per anni su vari modi per rendere i loro vini a prova di contraffazione. Tuttavia, questo riguarda solo le annate più recenti. Purtroppo! Un motivo sufficiente per godere di vini che, in primo luogo, non valgono la pena di essere contraffatti e, in secondo luogo, potrebbero anche essere più buoni.

Asta Ebay: Pétrus 1990 OHK vuoto venduto a 368%87 euro (fonte: WineCollect.eu)

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze