wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Con la sua tavola da skate e i suoi pantaloni larghi, Toni Askitis è diventato uno dei sommelier più conosciuti in Germania. Le sue degustazioni non sono rivolte solo ai nerd del vino, ma anche agli skater e agli hip-hopper. Lo stile anticonvenzionale di Askitis è ben accolto dalle aziende conservatrici di tutti i popoli. Con Matthias Stelzig ha parlato di esordienti, della Mosella e delle sue origini.

"Colpisci il parco!". È così che inizia una degustazione per Toni Askitis. Nel bicchiere si potrebbero dire molte cose sul Riesling del Palatinato: molto minerale, acidità di frutta fine, frutta a nocciolo, grafite e molto altro che si trova in un vino come questo. Ma Toni è interessato all'opinione dei nuovi arrivati, li prende sul serio. Allo stesso tempo, irradia notoriamente buon umore. Si vede che è felice di ogni buon bicchiere, di ogni commento e di ogni domanda. È il tipo di persona in presenza della quale quasi tutti si sentono a proprio agio.

Con questo stile, si è distinto dalle rigide degustazioni di vini con cravatte obbligatorie. E quindi suscita l'interesse per il vino in persone che forse non lo avrebbero mai provato altrove. Le sue frasi di solito iniziano con "Ehi, fratello" e finiscono con "hip-hop". Toni è uno skater, un hip-hopper e un sommelier - tutto allo stesso tempo nei suoi corsi di vino. Divide i bevitori di vino in consumatori incalliti, appassionati e principianti.

Gli esordienti sono musicisti sconosciuti, spesso molto bravi, che caricano i loro brani gratuitamente in rete. I suoi esordienti sono i neofiti del mondo del vino, che raggiunge soprattutto su Instagram. "Tutti hanno talento se si spiegano loro argomenti complicati in modo semplice", dice Toni. Invece di tenere una lezione sulla migrazione degli elettroni e sull'acetobacter, spiega: "Immaginate una mela tagliata. Anche questo diventa marrone. È l'ossidazione". Queste informazioni sono sufficienti per ora.

Le domande sono in realtà sempre le stesse, ma spesso cadono nel vuoto con i professionisti perché conoscono le risposte da molto tempo. Toni ha capito che bisogna rispondere al punto: Due. Niente. Gyros.

Dopo anni di lavoro, ha sviluppato un ampio impatto al di là delle domande introduttive. Parla di vino da litro ("il distillatore") e di degustazioni di Borgogna ("esistono, i consigli degli addetti ai lavori, il vero affare"), consiglia l'azienda fieristica di Düsseldorf e uno snack bar indiano.

"Ho il mio stile"

Con la sua camicia hawaiana e i suoi pantaloncini, non sembra più un hip-hopper incallito. Persino la delicata catenina d'oro non è più un gioiello. Toni ha 43 anni e tre figli. "Ma la gente si aspetta questo da me", dice. A volte è quasi sorpreso lui stesso. "Poi mi trovo di fronte a due dozzine di persone in giacca e cravatta a cui presento i miei progetti e chiedo: "Siamo tutti a posto per du?" E loro applaudono".

I decisori del settore amano il modello di business del bravo ragazzo della porta accanto che parla bene. L'agenda di Toni è piena, la sua lista di clienti assomiglia più a un Who's Who del mondo del vino conservatore tedesco: Deutsches Weininstitut, VDP, Zwiesel, Gerolsteiner e la fiera ProWein. Molte di queste aziende si sono rese conto di dover percorrere nuove strade per conquistare nuovi clienti - più giovani - che altrimenti si orientano verso la birra artigianale, la birra fredda o le bevande miste con ingredienti sempre più sofisticati.

Fiera di Düsseldorf/ProWein

Come ha raggiunto il successo? "Sono un figlio della gastronomia". È così che inizia la sua storia. I genitori di Toni avevano un ristorante greco, "ma senza gyros e reti da pesca". Il ristorante si trovava nel quartiere medio-alto dello zoo di Düsseldorf, dove non c'era ancora spazio per i fast food. Ma la carta dei vini aveva 120 posizioni. E Toni ha dovuto dare una mano. "È così nelle famiglie di lavoratori ospiti", dice Toni. "Domani abbiamo un grande evento, puoi venire?", mi chiese mia madre. Il giorno dopo ho un esame all'università. Va bene così, ragazzo mio. Alle quattro allora?".

Toni ha fatto un apprendistato come commerciante all'ingrosso e all'estero, che si è concluso nel cosiddetto sistema gastronomico. "Un anno in una catena di steakhouse. È stato sufficiente". Con gli studi e un semestre all'estero alle Hawaii, ha tracciato la strada per la sua carriera. Ma la scintilla era ancora accesa nella cerchia familiare: "Mio padre mi ha trascinato alla ProWein nel 2001. "Passeggiare, assaggiare vini provenienti da innumerevoli paesi, rimanere a bocca aperta. A quel punto mi è stato chiaro: voglio essere lì". Oggi, il simbolo del vigneto tedesco Wehlener Sonnenuhr è tatuato sul suo avambraccio.

500 vini e hip-hop in sottofondo

Poi è arrivato il suo ristorante, D'Vine. Nel quartiere Unterbilk di Düsseldorf, allora non molto alla moda, ha inserito 500 vini nel menu e ha fatto disegnare una parete da un artista di graffiti. In sottofondo, una strumentazione hip-hop. "La maggior parte delle persone non se n'è nemmeno accorta". Il locale era uno dei ristoranti più alla moda della città quando Toni lo vendette. Ha fatto più degustazioni, più Instagram, più seminari. L'hashtag #asktoni era già presente nel menu del D'Vine. Ora è diventato il suo logo. Era perfetto per lui perché suona come FragMutti, NetDoktor o Wikipedia. Cliccateci sopra una volta e conoscerete la risposta.

E compie l'azione giusta. Lo si può vedere nei suoi video mentre degusta il vino a 200 chilometri all'ora in autostrada. E poi, tra tutti, un vino del Württemberg, che proviene da una regione che è sinonimo di ponderatezza e accoglienza. In un'altra clip, rovescia una bottiglia di champagne Charles Heidsieck passandoci davanti con la tavola da skate con l'angolo giusto. Al rallentatore, questo fa un'enorme impressione. Nel video successivo, al più tardi, in cui parla per mezz'ora con la leggenda dell'hip-hop tedesco Moses Pelham solo di vino, raggiunge persone che altrimenti difficilmente si sarebbero interessate.

Consiglia ai suoi seguaci di "provare tutto". Anche se a volte è lui stesso a tracciare delle linee nette: Il Nuovo Mondo non deve esserlo per forza. Non gli piace il Pinot grigio e certamente non il Rosé. Ma Mosel dolce con oca e vino all'arancia con un hamburger di maiale. In definitiva, il suo lavoro è un manuale di istruzioni per la Germania del vino, in particolare per i Riesling della Mosella.

Il miglior vino è una playlist

I pendii scoscesi, feinherb, l'Auslese e la mineralità dell'ardesia: questo è il suo mondo. Soprattutto i vini dolci, con la loro tradizionale immagine soffocante, non sarebbero stati attesi in questo contesto. Ma quando Toni va in onda, lo fa capire. Le sue degustazioni Live.tasting, che altri fanno fatica a fare, sono ben prenotate. L'unità più piccola è costituita da due bottiglie di vino, che si possono ordinare a 25 euro. La sessione Instagram di accompagnamento, di solito con la presenza dell'enologo, è gratuita. Quasi tutti possono permetterselo. "Tra cinque anni", è convinto, "sarò completamente digitale. Il primo grande amore di Toni, l'hip-hop, per ora ha poco a che fare con il vino. È la musica per tutte le domande della vita: Hip-hop può affrontare i problemi della crescita di un figlio di immigrati, gridare le proprie rimostranze politiche, fare una perfetta dichiarazione d'amore o semplicemente dire al mondo che sei il più grande. L'accesso è privo di barriere. Non avete bisogno di un manager o di una scuola di musica. È così che molti musicisti sono riusciti a diventare artisti di cui altrimenti non avreste mai sentito la storia. E molti dicono che non sarebbero diventati ciò che sono senza l'hip-hop. Questo si adatta bene anche alle reclute di Toni. Non devono usare il linguaggio del vino affettato con lui. "Basta che lo si canti". L'esperienza arriverà. Così come un buon brano musicale trasmette più di un testo punteggiato da un collage sonoro, anche i complessi aromi di un buon vino si fondono in un gioco in cui si può sprofondare.

Come descrizione del vino, Toni a volte esegue semplicemente una danza. Anche per lui non esiste un vino migliore. Solo "una playlist corrente". Questa è la sua risposta alla domanda forse più fastidiosa dei principianti e dei giornalisti locali. Ancora di più lo sono i testi hip-hop dalla lingua tagliente con cui va al cuore delle cose. Per quanto riguarda lo champagne, è infastidito dalla "vanagloria dei nouveau riche". Costoso significa sempre migliore? "Basta che si sbatta". Acido? "Qual è il problema? Ogni Coca Cola ne ha di più". E il biologico? "Come la sezione 'Fans Only' di Bravo ai tempi". Ben detto, Toni.

Gli hashtag di Toni:

  • #MusikimGlas
  • #FullThrottleToni
  • #PiccoleMicroGrandiCrescite

Suggerimento per il libro:

Toni Askitis ha scritto un libro partendo dalle domande più frequenti che ha ricevuto sui suoi canali. Su una doppia pagina, spiega ad esempio il terroir e la mineralità. Ma i suoi fan non chiedono termini tecnici come brettanomyces, aromi terziari o fermentazione carbonica. Vogliono sapere: Che cos'è il lievito? Che cos'è l'acido? Che cos'è feinherb? Le sue risposte sono precise, ma comprensibili per tutti.

Toni Askitis Il vino è semplice Edizione Michael Fischer 18,00 Euro https://asktoni.de

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze