wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il 1° luglio 2021 entreranno in vigore nell'Unione Europea nuove regole per l'imposta sul fatturato. La riforma riguarda anche i viticoltori e i commercianti di vino. wein.plus spiega cosa cambierà per loro.

Con la riforma annunciata da tempo, la Commissione europea intende facilitare il commercio transfrontaliero (online) delle imprese dell'UE con i clienti privati (B2C). Attualmente, infatti, la situazione è piuttosto complicata per i commercianti e i viticoltori, ad esempio: Un'azienda con sede in Germania, ad esempio, che vende e consegna merci online o tramite catalogo a clienti privati con sede in un altro Paese dell'UE, deve in linea di principio raccogliere l'IVA del Paese di destinazione, dichiararla in tale Paese e pagarla. Questo vale anche per il vino. Un viticoltore o un commerciante di vini con clienti privati in altri Paesi dell'Unione Europea deve quindi contabilizzare l'IVA con un massimo di 26 uffici fiscali diversi in varie lingue. L'impegno aggiuntivo è considerevole: secondo la Commissione europea, ciò comporta costi medi di 8.000 euro all'anno per Paese. Chiaramente, questo ha finora scoraggiato molti negozi e cantine dal commercio transfrontaliero con i clienti finali.

La situazione è destinata a cambiare: A partire dal 1° luglio 2021, l'IVA per tali consegne potrà essere regolata presso un unico punto di contatto nel proprio Paese, il cosiddetto "One Stop Shop" (OSS). La procedura è già stata utilizzata dal 2015 come "Mini One Stop Shop" (MOSS) per alcuni servizi, compresi quelli digitali, e si dice che funzioni bene. Ora sarà esteso anche alle "vendite a distanza intracomunitarie di beni".

L'obbligo di emettere fatture per le consegne B2C non è più applicabile

In concreto, un'azienda si registra una volta presso l'OSS e lo utilizza per liquidare digitalmente l'IVA per tutti gli altri Paesi dell'UE su base trimestrale. L'OSS inoltra poi le dichiarazioni dei redditi e i pagamenti ai rispettivi Paesi dell'UE. Inoltre, l'obbligo di emettere fatture non si applica più alle consegne B2C. Si tratta di semplificazioni significative.

L'uso dell'OSS è volontario. Pertanto, chi effettua consegne a clienti privati in un solo altro Paese dell'UE ed è già registrato ai fini dell'IVA in quel Paese non deve cambiare. Coloro che effettuano il passaggio, invece, devono contabilizzare tutte le vendite B2C in altri Paesi dell'UE tramite l'OSS. Ora è o - o: non è possibile contabilizzare l'IVA in alcuni paesi dell'UE da soli e per altri tramite l'OSS o distinguere tra vendite a distanza e servizi.

Registrazione per OSS con certificato Elster

In Germania, l'Ufficio Federale Centrale delle Imposte è responsabile dell'OSS. Le aziende potranno registrarsi sul portale online con il loro "certificato Elster" a partire dal 1° aprile 2021 e ulteriori informazioni saranno disponibili a tempo debito. Fino ad allora, le spiegazioni della Commissione europea - che non sono giuridicamente vincolanti - forniscono una certa chiarezza. Alcuni degli esempi descritti possono essere applicati ai viticoltori e ai commercianti di vino:

Esempio 1: il viticoltore/commerciante di vini vende vini - anche attraverso il proprio negozio online - a clienti privati in altri Paesi dell'UE. Se il totale delle sue vendite a clienti privati in altri Paesi dell'UE è inferiore alla nuova soglia europea di 10.000 euro, può applicare l'IVA tedesca e regolare i conti in Germania. La precedente soglia di vendita per corrispondenza per paese sarà abolita il 30 giugno 2021. Tuttavia, se le vendite superano questo importo, deve riscuotere l'IVA all'aliquota del rispettivo Paese di destinazione e contabilizzarla in ciascuno di questi Paesi - o una sola volta tramite l'OSS. In ogni caso, le registrazioni di queste vendite/consegne devono essere conservate per dieci anni a fini di controllo.

Esempio 2: il viticoltore/commerciante di vini vende vini a clienti privati in altri Paesi dell'UE tramite un portale online, una piattaforma o un mercato digitale. Li assistono nell'ordinazione e nel pagamento, ad esempio, tramite gli appositi moduli. Finché il viticoltore/commerciante di vini consegna i vini al cliente privato (B2C), rimane responsabile dell'IVA. In primo luogo, deve assicurarsi che il portale o la piattaforma indichino e addebitino l'IVA all'aliquota corretta. A tal fine, egli provvede personalmente al pagamento nei rispettivi Paesi di destinazione o tramite l'OSS. L'obbligo fiscale non viene quindi trasferito al gestore del portale o della piattaforma. Tuttavia, quest'ultimo deve anche conservare i registri di queste vendite e consegne per dieci anni.

Esempio 3: il viticoltore/commerciante di vino gestisce personalmente un portale o un mercato. Lo usa per vendere

a) i propri vini a clienti privati in Germania
b) i propri vini a clienti privati in altri Paesi dell'UE. Sostiene
c) altri viticoltori tedeschi / commercianti di vino nelle loro vendite a clienti privati in Germania e in altri paesi dell'UE, e
d) i viticoltori/commercianti di vino svizzeri nelle loro vendite nell'UE.

Tutti i vini presenti nel magazzino della sede dell'azienda sono considerati "propri". Non importa se si tratta di vini prodotti dall'azienda stessa, acquistati tramite grossisti o precedentemente importati nell'UE. Il gestore del portale deve contabilizzare l'IVA per le vendite di cui al punto a) in Germania, per quelle di cui al punto b) in ciascun paese di destinazione o tramite l'OSS. Per le vendite di cui alla lettera c), tuttavia, l'IVA deve essere versata dagli altri viticoltori/commercianti di vino tedeschi. Per le vendite e le consegne di cui alla lettera d), ossia da paesi extra UE, il gestore del portale diventa il cosiddetto "fornitore fittizio". L'IVA deve essere contabilizzata in ogni paese di destinazione direttamente o tramite l'OSS. Questo vale anche per le consegne a clienti privati tedeschi.

Ciò significa che il commercio transfrontaliero di vino per il cliente finale è effettivamente più semplice grazie all'OSS. In alcune circostanze, tuttavia, la questione rimane complicata: ad esempio, la soglia menzionata nel caso 1 non si applica se i vini vengono consegnati non solo dalla Germania ma anche da un altro Paese dell'UE. I viticoltori/commercianti di vino che, oltre al commercio di vino con il cliente finale, forniscono anche servizi transfrontalieri B2C in un paese dell'UE perché hanno un'altra filiale, non possono nemmeno richiedere l'OSS. Questo perché nel caso dei servizi, l'IVA deve sempre essere assolta nel Paese della filiale. Infine, l'OSS facilita solo la liquidazione dell'IVA - le accise dei Paesi di destinazione devono ancora essere regolate con le autorità doganali competenti.

Markus Blaser lavora come giornalista e storico freelance a Firenze. Lo svizzero ha scritto per "Merum" fino al 2016 e pubblica sul contesto economico, politico, culturale e storico del vino e dell'olio d'oliva in Italia.

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze