wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Due fiere internazionali del vino in una settimana incoraggiano i confronti: Se già dopo il Vinitaly di Verona e soprattutto il ProWein di Düsseldorf i sentimenti erano contrastanti, il VieVinum di Vienna ha ricevuto recensioni positive senza riserve. Il formato del futuro sembra essere quello di piccoli eventi a tema.

"A Düsseldorf c'era solo un decimo delle persone in giro come qui". Un vinaio di VieVinum ci ha sorpreso con questa dichiarazione. "Anche lì abbiamo avuto contatti preziosi e non rinunceremo alla ProWein", ha tuttavia commentato. Ma la maggior parte della scena vinicola austriaca è rimasta delusa dalla più grande fiera del vino e degli alcolici e si interroga sulla sua futura partecipazione. Nelle magnifiche sale dell'ex residenza imperiale Hofburg di Vienna, tuttavia, l'umore degli espositori e dei visitatori era buono.

Grande interesse è stato riscontrato anche da eventi di dimensioni gestibili, come la borsa dei vini dell'Associazione delle aziende vinicole tedesche Prädikat (VDP) a Magonza. Allo stesso modo, la presentazione annuale delle rinomate aziende vinicole del Burgenland (RWB) ha attirato molti appassionati e professionisti del vino nelle sale dello Schloss Esterhazy di Eisenstadt. Il Millésime Bio di Montpellier, che dieci anni fa era poco conosciuto, si è rapidamente trasformato nella più importante fiera dei vini biologici. Molti espositori evitano la ProWein perché a Montpellier possono incontrare esattamente il loro target di commercianti e sommelier. Cosa possono fare gli eventi più piccoli che la ProWein non può fare (più)?

Meno è meglio

L'atmosfera del Palazzo Asburgico di Vienna non può essere l'unica responsabile del buon umore, il settore lo sa fin dal 1998. Che sia più divertente percorrere grandi scalinate e degustare in sale da ballo sontuosamente arredate che in anonimi saloni funzionali è indiscutibile. Anche se l'Hofburg rende il trasporto da e per l'evento molto più dispendioso per gli espositori.

A Vienna, l'organizzatore M.A.C. Hoffmann 2022 si è concentrato maggiormente sui visitatori professionali rispetto al passato. In precedenza, gli appassionati di vino privati che potevano degustare o bere a partire dalle 13.00 erano alla base dei nuovi record di visitatori. Questo ha portato sempre più spesso a brontolare tra gli espositori, che hanno dovuto mettere a disposizione molti vini per i bevitori di vino "all-inclusive". Questa volta, con un biglietto d'ingresso di 75 euro al giorno, l'ostacolo è stato posto molto più in alto per coloro che non vogliono impegnarsi seriamente o professionalmente con i vini.

Insieme a Österreich Wein Marketing (ÖWM), l'attenzione era rivolta ai professionisti del vino austriaci e stranieri. Il sito ÖWM ha invitato più di 1.000 commercianti, ristoratori, sommelier e giornalisti di tutto il mondo a trattare il vino austriaco in modo mirato e concentrato.

A questo scopo, sono stati offerti molti eventi collaterali su vari argomenti e degustazioni speciali con commento, che sono stati chiamati "School of Wine" con una strizzatina d'occhio. Perché i partecipanti si sono seduti come su un banco di scuola all'antica. Anche servizi come il libretto di degustazione digitale personale e l'app B2match sono stati completamente adattati ai visitatori professionali.

Confronto di cifre

Nessuna di queste è un'invenzione nuova o addirittura unica. Tuttavia, espositori e visitatori sono rimasti molto soddisfatti della qualità dei contatti e delle discussioni. I tavoli non sono mai stati inattivi. Tra l'altro, a VieVinum questi sostituiscono le elaborate e costose costruzioni di stand delle grandi fiere: Ogni cantina ha le stesse condizioni.

Complessivamente, VieVinum ha avuto 12.000 visitatori in tre giorni, quasi un terzo dei visitatori della ProWein e un decimo degli espositori. A quanto pare, questa volta molti esperti internazionali interessati al vino austriaco hanno scelto VieVinum come meta. Per questo motivo, alcuni produttori di vino hanno pensato di esporre alternativamente alla ProWein e al VieVinum, che si svolge solo ogni due anni.

L'uso di presentazioni digitali e ibride con l'invio di campioni di degustazione è ormai considerato scontato. In un certo senso, sostituisce gli incontri personali alle fiere del vino. Ciò che sembra chiaro, con l'aumento della pressione sui costi, è che in futuro i produttori sceglieranno le fiere con ancora più attenzione, valutando i risultati e confrontando le cifre - e soprattutto i costi. È probabile che gli eventi piccoli, raffinati e mirati acquistino sempre più importanza.

Foto: Eva Kelety, Barbara Zeininger, Christine Miess

Per saperne di più:

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze