wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Più vita, più diversità, più piante e animali nel vigneto: con il progetto di ricerca "Ambito", l'associazione Fair'n Green, insieme alla Geisenheim University of Applied Sciences, vuole aiutare i viticoltori in Germania a promuovere la biodiversità nei vigneti con istruzioni concrete - indipendentemente dalla regione e dall'appartenenza all'associazione.

Fuori dalla monocultura: l'idea dietro la "Ambito" viene dagli stessi viticoltori. "Nella nostra certificazione della sostenibilità delle cantine, si valuta anche il loro lavoro sulla biodiversità", spiega Keith Ulrich, project manager e presidente di Fair'n Green. L'associazione rilascia un sigillo per la viticoltura sostenibile e aiuta i viticoltori a rendere gli obiettivi definiti oggettivamente misurabili. "Nel processo, abbiamo notato che molti produttori vorrebbero fare di più per la biodiversità. Tuttavia, non hanno la conoscenza di quale tipo di approccio abbia senso" Così è nato il concetto di "Ambito", per sviluppare una cassetta degli attrezzi adattata alle rispettive località con chiare raccomandazioni per i viticoltori: "Era particolarmente importante per noi che non si trattasse solo delle aziende Fair'n Green, ma dell'intero settore viticolo tedesco", dice Ulrich.

L'associazione sta già lavorando da un anno con l'Università di Scienze Applicate di Geisenheim sui primi passi. Il progetto di sei anni è finanziato dall'Agenzia Federale per la Conservazione della Natura con denaro del Ministero Federale per l'Ambiente. Alla fine del progetto, i viticoltori di tutte le regioni della Germania avranno a disposizione un kit di conoscenze e soluzioni. Deve essere usato per guidarli in passi concreti per migliorare la biodiversità nel vigneto e nella fattoria.

Nuove opportunità per la diversità

Due particolarità caratterizzano la viticoltura in questo contesto. Da un lato, la viticoltura come monocoltura è particolarmente incline a rappresentare l'esatto contrario della biodiversità. D'altra parte, i vigneti come colture permanenti offrono la possibilità di sviluppare la diversità della fauna e della flora autoctona a lungo termine.

"Interi paesaggi sono modellati dalla viticoltura, quindi bisogna anche vedere la questione della biodiversità nel contesto generale del paesaggio", dice Ulrich. Le fotografie aeree degli anni '50 mostrano il chiaro cambiamento strutturale nella viticoltura: invece di paesaggi su piccola scala con alberi, strisce di siepi e terreni incolti tra le aree di vigneto, la consolidazione della terra ha spesso portato a paesaggi di vigneti monotoni. Rispetto all'agricoltura con le sue rotazioni di colture, tuttavia, i vigneti offrono punti di partenza speciali. Keith Ulrich ha l'occhio soprattutto sulle file intermedie, che vuole trasformare in biotopi per insetti e piccoli animali nativi seminandoli. "Anche qui, il cambiamento climatico sta giocando un ruolo importante. Stiamo lavorando per sviluppare miscele di semi che germinano e fioriscono con poca pioggia e ad alte temperature."

Per Keith Ulrich, tuttavia, non si tratta solo di usare le strutture esistenti in modo diverso, ma anche di sviluppare nuovi habitat per piante e animali - per esempio, creando incolti sotto forma di "aree di pizzica". Si tratta di zone in vigneti affusolati dove il lavoro di viticoltura è molto laborioso e quindi viene spesso abbandonato. Ma anche l'eliminazione di singoli filari nel vigneto crea nuove opportunità. "Con tali proposte, tuttavia, si deve tenere presente che questo non mette i viticoltori in svantaggio", è consapevole Keith Ulrich. Dopo tutto, il viticoltore sta facendo qualcosa per la società, e questo deve essere premiato.

La conservazione della natura stimola il turismo

Nelle singole regioni vinicole, gli esperti stanno sondando le prospettive di una maggiore diversità insieme a molte cantine partner, e stanno anche coltivando vigneti per dimostrare le possibilità. "Ha poco senso pensare alla biodiversità solo in termini di singoli punti; bisogna mettere in rete le strutture e includere l'intero ambiente" Nel vigneto di Stefan Braunewell a Essenheim, nella regione dell'Assia renana, per esempio, le prove di prova con strisce di frangola largamente disposte accanto e davanti al vigneto sono diventate un successo. Ispirati dal lavoro dell'enologo, anche i vicini sono stati rapidamente convinti. Questo ha portato a una frangia molto più grande di quella originariamente prevista.

"Ora stiamo pianificando, insieme all'associazione per la conservazione della natura, di introdurre il progetto in tutto il villaggio", dice Stefan Braunewell, positivamente sorpreso dal feedback dei suoi colleghi. Spera che questo non solo promuova la biodiversità ma anche il turismo nella regione: "C'è un sentiero escursionistico qui che è stato un po' dimenticato negli ultimi anni. Potreste farlo rivivere con questo progetto"

Per sviluppare le idee giuste, però, non si deve tener conto solo delle condizioni climatiche e geologiche, ma anche delle presenze naturali di piante e animali. Le aziende partecipanti controllano le specie esistenti in parte da sole: "Ci è stato chiesto di cercare le cosiddette geofite nei nostri vigneti, cioè le piante che sopravvivono permanentemente nei vigneti. Questo mi ha dato una prospettiva completamente nuova sui miei vigneti. Mi ha sorpreso che il giacinto d'uva sia sulla lista rossa, perché per me è lì come una cosa ovvia", riferisce il viticoltore di Essenheim. Questo è un feedback che Keith Ulrich riceve spesso. "Se sono presenti specie come il tulipano selvatico o il giacinto d'uva, si tratta di propagarle per noi per diffonderle e assicurarne la presenza naturale. In nessun caso vogliamo stabilire specie aliene e nuove in una regione, ma piuttosto promuovere gli eventi naturali", spiega Ulrich l'idea.

"Effetto positivo per la protezione vegetale delle viti"

Ecco perché non si tratta solo di inverdire, ma anche di piantare strisce di siepi, piantare alberi, mettere cassette per i nidi, ammassare pietre - tanti piccoli cambiamenti che si sommano per un grande effetto. "Queste cose ripagano in molti modi", dice Ulrich. Più insetti, per esempio, significano più cibo per gli uccelli, che di nuovo ottengono cassette-nido adatte a creare nuove opportunità di riproduzione. "Ci aspettiamo anche che questo abbia un effetto positivo sulla protezione delle piante delle viti", ci dice il responsabile del progetto, "un ambiente sano con molti insetti benefici fa anche un vigneto più resistente."

La risposta dei viticoltori all'offerta è grande. "Abbiamo più di 90 cantine partecipanti, la domanda è stata enorme. E la volontà di andare avanti anche con passi insoliti è molto grande", Ulrich è soddisfatto del loro impegno. "La biodiversità è nella nostra mente come cantina da molto tempo e abbiamo notato che la crescente siccità, per esempio, ha reso il rinverdimento sempre più difficile. Ne discutiamo con i colleghi e ci rendiamo conto che la teoria dei nostri studi non si adatta più a tutto. Volevamo vedere accompagnate queste domande su come affrontare tutto questo scientificamente", dice Stefan Braunewell sulla sua motivazione per essere coinvolto in "Ambito". Questo conferma l'esperienza del leader del progetto: "La generazione più giovane è più interessata alla sostenibilità e vuole percorrere nuove strade. La biodiversità gioca un ruolo importante in questo."

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze