wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Professor Dr. Hans Reiner Schultz Il professor Hans Reiner Schultz è uno dei più importanti ricercatori a livello internazionale sulle conseguenze dei cambiamenti climatici in viticoltura. In un'intervista con Alexander Lupersböck, il rettore dell'Università di Scienze Applicate di Geisenheim (Rheingau) riferisce sulle scoperte attuali, sui cambiamenti necessari e sulle temperature medie di Geisenheim, che in passato venivano misurate nelle Adelaide Hills in Australia.

Dove vede attualmente le maggiori sfide per il mondo del vino dovute alla crisi climatica?

Schultz: Le temperature stanno aumentando a livello globale, in misura maggiore nell'emisfero settentrionale perché la massa terrestre è più estesa. Ma non esiste un rimedio brevettato per tutte le regioni vitivinicole. Bisogna considerare ciascuno di essi singolarmente, perché reagiscono in modo molto diverso. Questo ha anche a che fare con la posizione geografica in un continente. Lo sviluppo del solo bilancio idrico è estremamente diverso da regione a regione. Il rapporto tra precipitazioni ed evaporazione potenziale è cambiato notevolmente in alcune regioni, ma per nulla in altre. A Geisenheim, Bordeaux e in California, ad esempio, l'evaporazione è cambiata, ma non le precipitazioni. Sulla costa orientale dell'America accade il contrario: le precipitazioni estive sono maggiori, mentre l'evaporazione rimane invariata. Se la temperatura dell'aria aumenta di 1 °C, l'evaporazione potenziale aumenta del 7%; se dovessimo raggiungere l'obiettivo di un riscaldamento di 2 °C, l'evaporazione aumenterebbe del 14% - e quest'acqua deve tornare a scendere da qualche parte. Ciò significa che il rischio di forti precipitazioni aumenta di conseguenza.

Le zone viticole si stanno spostando più a nord. Fino a che punto si può arrivare?

Schultz: Nei vecchi libri di viticoltura si dice: il 50° parallelo è il confine. Passa proprio per Geisenheim. Si parla sempre di temperature medie da aprile a ottobre. La produzione di vino ha bisogno di una media di almeno 12 °C. L'Austria si aggira intorno ai 16 °C, nel 2018 erano 18 °C. Più a nord fa più freddo, ma la luce del giorno è più lunga. Nel 2018, la temperatura media durante la stagione di crescita a Geisenheim è stata di 18 °C. Ciò corrisponde a quanto abbiamo misurato all'inizio di questo secolo a Santiago del Cile o nelle Adelaide Hills in Australia meridionale. Entrambi i luoghi si trovano sul 34° parallelo. Geisenheim è molto più lontana dall'equatore e ha due ore di luce in più: si capisce quindi che la lunghezza del giorno può compensare molto.

Quali altre influenze giocano un ruolo?

Schultz: Di solito le temperature invernali vengono ignorate. Varsavia, ad esempio, supera abbondantemente i 12 °C nei mesi estivi, ma in inverno può scendere a meno 20 °C e le viti muoiono di freddo. Nella Germania orientale si notano anche gelate più frequenti. Ma gli inverni troppo miti comportano un maggiore potenziale di infestazione. E: è importante che la vite riceva un certo stimolo freddo in inverno, altrimenti il germogliamento in primavera sarà troppo irregolare. Anche il periodo di fioritura è una fase nevralgica. Se è troppo freddo, mette a rischio la resa. Non tutte le annate saranno calde come le ultime tre; può sempre esserci un'annata come il 2021. Oggi non siamo quasi più abituati a disacidificare, ma 30 o 40 anni fa questa sarebbe stata una buona annata.

Cosa possono fare i viticoltori contro l'aumento delle temperature e la siccità?

Schultz: Dico un po' esageratamente: C'è sempre qualcosa che si può fare in agricoltura. Spesso si pensa all'irrigazione. Ma in molte regioni vitivinicole tutto questo finirà presto, perché la vite, in quanto bene di lusso, sottrae acqua all'agricoltura necessaria. L'irrigazione può avere al massimo una funzione intermedia. Nella ricerca, dobbiamo prestare molta più attenzione ai portainnesti resistenti alla siccità. Oggi, quasi tutti i portainnesti utilizzati provengono ancora da selezioni contro la fillossera. È successo più di 120 anni fa! Oggi si deve guardare al pool genetico naturale esistente della specie Vitis con strumenti di biologia molecolare sotto aspetti completamente diversi. La tolleranza alla siccità è molto maggiore rispetto ai portainnesti che utilizziamo oggi. Poiché sono poche le istituzioni che si occupano di questo tema, è un compito urgente e internazionale affrontare questa ricerca in modo collaborativo.

Senza piwis, non riusciremo a rispettare il Green Deal dell'UE.

La resistenza ai funghi dei vitigni da sola non basta?

Schultz: Senza piwis, non saremo in grado di rispettare il Green Deal dell'UE. Risparmiare il 50% dei prodotti fitosanitari è una sfida, soprattutto per la viticoltura, che ha il più alto consumo di fungicidi. In futuro avremo bisogno di resistenze ancora più forti. L'allevamento e la ricerca sono principalmente di competenza delle istituzioni statali. In Francia si sta spingendo su questa strada. Esiste un enorme progetto chiamato Viticoltura senza pesticidi. Poiché la Francia è amministrata centralmente, sta accadendo qualcosa. Nei Paesi con una struttura federale è più difficile organizzare tutto ciò. Con i nuovi strumenti, possiamo - e dobbiamo - muoverci più velocemente. Non possiamo più pensare di avere 25-30 anni per una generazione di riproduttori. A quel punto sarà troppo tardi.

Si aspetta che il livello dei vitigni in Europa sia diverso?

Schultz: Conosciamo solo le soglie di temperatura inferiori dei vitigni, non quelle superiori. Abbiamo imparato quelli inferiori "imparando facendo". Ma partiamo dal presupposto che il Riesling, ad esempio, non funziona più al di sopra di una certa soglia di temperatura. Ma non lo sappiamo. La ricerca non ha mai studiato l'adattabilità dei vitigni alle temperature. Prendiamo ad esempio lo Chardonnay: è una varietà adattabile. Può essere coltivata in regioni fresche ma anche molto calde. Nel caso del Silvaner, direi piuttosto che si tratta di una varietà sensibile. Non abbiamo ancora dati affidabili in merito, si tratta solo di valori empirici. Ad esempio, con l'annata 2018, che è stata più calda di 4 °C rispetto alla media, siamo riusciti a capire cosa funziona. La gestione dei valori di pH nell'uva diventerà ancora più importante. Una cosa è chiara: il carattere di un vitigno cambia nel corso dei decenni. Possiamo già vedere dall'esempio di Grüner Veltliner che il carattere pepato tenderà ad essere raggiunto nelle annate più fresche del futuro. Ma abbiamo la possibilità di intervenire. L'ombreggiatura con il fogliame è la più semplice. Un altro metodo efficace, ma non così facile da attuare, è quello di cambiare l'orientamento dei filari. Ma non è possibile farlo ovunque; non è possibile in vigneti a forte pendenza. C'è un altro aspetto: in Germania la terra è stata consolidata negli anni '70 per motivi economici. Questo ha aumentato le pendenze. Durante le forti piogge, l'acqua si riversa tra i vigneti e provoca una grave erosione. Le vecchie strutture di piccole dimensioni mantenevano meglio l'acqua nel terreno. Ma ripristinarlo oggi è difficilmente realizzabile. Tuttavia, è necessario trovare approcci specifici per ogni regione. Abbiamo bisogno di una successiva ristrutturazione delle regioni, in modo che l'acqua piovana non finisca come un'autostrada nel fiume successivo e porti a inondazioni.

Dobbiamo cambiare i sistemi di coltivazione in modo che i vitigni esistenti funzionino ancora tra 100 anni.

Dove piantereste un vigneto oggi per renderlo a prova di futuro?

Schultz: Dobbiamo cambiare i sistemi di coltivazione in modo che i vitigni esistenti funzionino ancora tra 100 anni, invece di dire: tra 100 anni sarò in Norvegia. Non si tratta solo di uva, ma di cultura, turismo, tradizione. Il vino è molto di più. E non riguarda solo la viticoltura. Le temperature del suolo aumentano più rapidamente di quelle dell'aria. Come possiamo mantenere il carbonio nel suolo o immetterne di più? Si tratta di una sfida enorme per l'agricoltura nel suo complesso. Dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare. Dobbiamo fare di tutto per mantenere qualcosa di duraturo e sostenibile dove è stato duraturo e sostenibile per 2.000 anni.

L'inverdimento permanente e l'agricoltura biologica possono contribuire a mantenere l'equilibrio?

Schultz: Chiaramente sì. Dal 2006 gestiamo un vigneto sperimentale a Geisenheim. Gli appezzamenti sono coltivati in modo convenzionale, biologico e biodinamico. Si tratta della sperimentazione più lunga in corso a livello mondiale. Da tutti i dati raccolti in tutto il mondo sappiamo che le coltivazioni biologiche o biodinamiche producono in media dal 20 al 25% in meno. Tuttavia, nelle annate calde del 2018, 2019 e 2020 si è notato che la resa delle aree biologiche è stata superiore a quella delle aree convenzionali. Questo potrebbe indicare che i sistemi biologici costruiscono la resilienza più rapidamente. Esistono anche indicatori che indicano che le aree biologiche producono meno gas serra di quelle convenzionali. Se si tiene conto di questo aspetto, il risultato è chiaro. Ma ancora una volta devo dire che il sistema organico del presente non è il sistema organico del futuro. Deve essere ulteriormente sviluppato e adattato. Esiste un numero infinito di piccole viti di regolazione che devono essere studiate.

Quanto sono preparati i viticoltori europei ad affrontare questo percorso?

Schultz: La viticoltura è una delle colture più sensibili al clima e più longeve in assoluto. I viticoltori devono reagire oggi a ciò che li aspetta tra 25 e 50 anni. A questo prepariamo da tempo i giovani viticoltori con la loro formazione e il loro apprendistato. Non devono cambiare tutto da un giorno all'altro. Ma vogliamo dare loro la possibilità di reagire in modo flessibile ai cambiamenti. Non esistono ricette standard. Bisogna osservare e trarre le giuste conclusioni.

Foto: © Università di Scienze Applicate di Geisenheim

Per saperne di più:

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze