wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La regione vinicola del Giura, situata tra la Borgogna e la Svizzera, con i suoi quasi 2.000 ettari di vigneti, è la regione vetrina della viticoltura biologica e del vino naturale in Francia. Già oggi circa la metà dei viticoltori non fa uso di sostanze chimiche. E la tendenza è in aumento.

Vitigni autoctoni, stili di vino idiosincratici e antiche tradizioni: Il Giura si è trasformato in una delle regioni vinicole più interessanti della Francia di oggi. Con la sua identità complessa e in parte arcaica, non può essere etichettata. È molto apprezzato da molti appassionati di vino, ma anche incompreso da molti. Quel che è certo è che i vini del Giura vanno ricercati. Rifiutano i dettami del gusto mainstream e sfidano i palati più esigenti.

Vigneti di Château Chalon, la denominazione più famosa per il vin jaune.

Jérôme Genée

I pionieri del biologico plasmano l'identità dei produttori

Nel Giura, gli orologi ticchettano in modo diverso. Mentre altrove sempre più viticoltori rinunciano alla moderna enologia e producono vino naturale, nel Giura molti hanno semplicemente saltato il capitolo della modernità. Olivier Badoureaux, direttore del Comité Interprofessionnel des Vins du Jura, spiega così lo sviluppo: "La viticoltura naturale ha una lunga tradizione qui, e alcune cantine sono certificate dal 1968. Molti hanno emulato le visioni di Pierre Overnoy, il vecchio maestro del vino naturale. Oggi, circa la metà dei viticoltori del Giura lavora in regime biologico o biodinamico. Tuttavia, il valore non può essere trasferito alla superficie coltivata, perché molti dei 220 vigneti del Giura sono molto piccoli. Alcuni coltivano meno di un ettaro di vigneto".

In realtà, esistono solo pochi grandi produttori certificati biologici, come Stéphane Tissot ad Arbois e Jean-François Ganevat a Rotalier. Entrambi appartengono al movimento Vin Naturel e si sono fatti un nome nel panorama dei vini naturali a livello internazionale. Il loro impegno ha contribuito in modo significativo alla crescita del trend biologico nella regione negli ultimi 20 anni.

"La superficie biologica continuerà ad aumentare perché i vini biologici e naturali sono una parte importante della nostra identità", è convinto Olivier Badoureaux. Secondo l'associazione "Le nez dans le vert", a cui appartiene la maggior parte delle aziende agricole biologiche del Giura, ogni anno circa quattro o cinque cantine si convertono alla produzione biologica.

Vista sui vigneti da Château Chalon

Uwe Kauss

Il Vin Jaune: un bene culturale difficile

Fino alla catastrofe della fillossera, nel Giura si coltivavano circa 40 varietà di uve diverse. Oggi i viticoltori si limitano principalmente alla varietà autoctona di vino bianco Savagnin, ai rossi Poulsard (o Ploussard) e Trousseau, nonché allo Chardonnay e al Pinot nero.

I vigneti si estendono per oltre 80 chilometri tra le città di Salins-les-Bains a nord e Saint-Amour a sud e comprendono sette denominazioni. Si tratta delle quattro regioni di coltivazione geograficamente definite AOC Arbois, AOC Château-Chalon, AOC L'Étoile e AOC Côtes du Jura, oltre a tre denominazioni "di prodotto": AOC Macvin du Jura, AOC Crémant du Jura e AOC Marc du Jura.

Il Vin Jaune è il vino più famoso del Giura. È conosciuto come un tesoro culturale della Francia in patria e all'estero ed è ancora uno dei grandi vini del mondo. Allo stesso tempo, ha contribuito notevolmente all'immagine ingombrante del Giura. Questo perché il vino arcaico, maturato per diversi anni sotto uno strato di lieviti flor in botti non piene di tappo, sembra essere caduto fuori dal tempo. Come altri vini di stile ossidativo, condivide il destino di essere inadatto al presente. I suoi aromi profondi e idiosincratici non sono compresi dalla maggior parte dei bevitori di vino. L'appello della maggioranza è una questione diversa.

Invece di puntare su vini ossidativi, come in passato, oggi i viticoltori producono sempre più spesso bianchi freschi e vivaci e, soprattutto, Crémant du Jura. In questo modo, cercano di camminare sul filo del rasoio: staccarsi dalla vecchia ammiraglia senza rinnegare la tradizione. Ma anche se il vin jaune rappresenta solo il cinque per cento della produzione totale, la regione è ancora principalmente associata ad esso. Anche il direttore dell'associazione Olivier Badoureaux è consapevole di questo problema: "Molti pensano che qui tutti i vini abbiano il sapore del Vin Jaune. Questo li scoraggia. Dobbiamo comunicare che esistono molti vini diversi che non sono affatto tutti così difficili da raggiungere. La quota di vini bianchi riduttivi ottenuti da Savagnin e Chardonnay, i cosiddetti vins ouillé, è in costante aumento".

Il vitigno Poulsard produce vini trasparenti con un frutto pregiato

Jérôme Genée

Le esportazioni sono in aumento, ma il Crémant du Jura si indebolisce

Grazie ai volumi di produzione gestibili, i vini del Giura vengono consumati principalmente nella regione. Le esportazioni, tuttavia, sono in aumento. Attualmente, il dodici per cento dei vini del Giura viene esportato; 15 anni fa, solo il due per cento andava all'estero. I vini del Giura si trovano soprattutto in ristoranti con sommelier coraggiosi. Non sorprende quindi che Savagnin, Poulsard o Trousseau siano presenti nel menu dei wine bar alla moda di Parigi, Copenaghen o New York.

Il prodotto più venduto della regione, tuttavia, è il Crémant du Jura: la superficie coltivata per lo spumante fermentato in bottiglia è in crescita da anni. Olivier Badoureaux: "Il Crémant du Jura rappresenta il 40% delle nostre vendite, ma come tutti gli spumanti soffre molto della crisi della Corona. Tuttavia, rimane il cavallo da tiro e sono fiducioso che le vendite aumenteranno di nuovo dopo la pandemia".

Gli inverni nel Giura sono rigidi e lunghi e le gelate tardive non sono rare.

Jérôme Genée

Formaggio o vino?

Come in tutto il mondo, anche nel Giura il successo attira gli investitori stranieri. Soprattutto i viticoltori della Borgogna sono attratti dai vini insoliti. Nonostante l'estremo aumento dei prezzi dei terreni che ne consegue, la domanda di vigneti è ininterrotta. Molti giovani viticoltori del Giura vorrebbero acquistare altri terreni, ma non hanno il denaro necessario.

Un'altra circostanza rende le cose difficili: non di rado, i viticoltori devono lottare con gli allevatori di bestiame e i produttori di latte per i terreni. Non è solo il vino ad essere apprezzato nel Giura, ma anche il formaggio Comté, famoso in tutto il mondo. Questo spiega anche perché la superficie vitata è aumentata di soli 100 ettari negli ultimi 20 anni.

Ma cosa porta di più: il formaggio o il vino? Il direttore Olivier Badoureaux fa una differenziazione: "Alcuni viticoltori sono ipnotizzati, altri hanno difficoltà a vendere i loro vini. Chi riesce ad attirare l'attenzione può guadagnarsi da vivere bene. Per molti che non hanno ancora raggiunto la fama, è più redditizio produrre latte per la produzione di Comté".

Il Vin Jaune, rinomato a livello internazionale, matura in queste botti

Jérôme Genée

Il Giura, come i suoi vini, è un universo sfaccettato, lontano da qualsiasi uniformità commerciale. Se volete conoscere i vini, è meglio fare come i viticoltori durante le degustazioni in loco. Non iniziate mai con un Vin Jaune, ma prima con un vino leggero, ad esempio un Poulsard rosso, o con un Crémant du Jura.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze