wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Prof. Dr. Randolf Kauer Il Prof. Dr. Randolf Kauer è professore di viticoltura biologica presso l'Università di Scienze Applicate di Geisenheim e viticoltore a Bacharach, sul Medio Reno. Insieme alla dottoressa Johanna Döring e ad altri scienziati, Kauer supervisiona dal 2006 una sperimentazione comparativa tra coltivazione biologica, biodinamica e integrata. I risultati mostrano che: La viticoltura biologica può essere la risposta allo stress da siccità. Tuttavia, il problema delle malattie fungine esiste ancora.

Per 16 anni, i ricercatori di Geisenheim hanno studiato appezzamenti di terreno in una sperimentazione con quattro repliche di campo, che - rigorosamente separati l'uno dall'altro - sono coltivati in modo convenzionale secondo standard integrati, biologico e biodinamico. La differenza tra queste due ultime varianti sta soprattutto nell'applicazione dei preparati biodinamici cornoletame e cornosilice e dei preparati di compost. Le miscele per l'inverdimento nelle varianti biologiche sono le stesse - e più diversificate rispetto alla miscela a prevalenza erbacea dell'appezzamento integrato. Poco dopo l'inizio della sperimentazione, entrambe le varianti biologiche hanno mostrato un vigore e una resa inferiori. Le rese legnose più basse sono desiderabili perché creano una parete di fogliame sciolta e ariosa.

Il biologico si adatta meglio alla siccità.

Alcuni anni dopo il completamento della conversione, i ricercatori hanno notato altri effetti: Cambiamenti nel suolo, stoccaggio del carbonio organico, attività enzimatica, composizione della comunità. Nelle quattro annate calde e secche successive al 2017 (con l'eccezione del 2021), "si sono verificati cambiamenti che non ci aspettavamo e che non avevamo mai osservato prima". Hanno a che fare con la reazione dei diversi sistemi alla siccità", spiega la dottoressa Johanna Döring. Ad esempio, le rese delle varianti integrate e biologiche convergono, mentre prima erano sempre state più alte nella coltivazione integrata (vedi figura). Nel 2018, 2019 e 2020, in alcuni casi, le parcelle biologiche hanno addirittura registrato rese più elevate. "Nel 2018 siamo rimasti ancora sorpresi, nel frattempo siamo convinti che non si tratta di coincidenze e che questi sistemi si sono adattati meglio alla siccità. C'è qualcosa che fa sì che le varianti biologiche si comportino in modo diverso da quelle convenzionali", osserva il dottor Döring. Inoltre, hanno esaminato la forza della parete cellulare e la resistenza delle piante a bassi potenziali idrici. Entrambi sono aumentati in modo significativo nelle varianti biologiche. Kauer riassume i risultati: "Si rafforza l'evidenza che la gestione biologica consente di gestire meglio lo stress da siccità. Le piante sembrano adattarsi meglio alla siccità per un periodo di tempo più lungo, grazie alla creazione di una copertura verde diversificata".

Döring et al.

Un confronto tra i rendimenti delle tre varianti. Verde: biodinamico, blu: integrato, giallo : bio-organico.

I rendimenti sono una cosa, la qualità è un'altra. L'apporto di azoto, essenziale per lo sviluppo degli aromi e per la nutrizione dei lieviti, è migliore nelle coltivazioni biologiche grazie all'apporto di leguminose. Anche la formazione di fenoli è maggiore nelle varietà biologiche, cosa che il Prof. Kauer spiega con la struttura più permeabile delle pareti fogliari: "L'uva forma più flavonoli nelle bucce degli acini perché sono meglio esposte". Nel complesso, la produzione di zucchero e quindi la resa alcolica potenziale delle varietà biologiche non differiva dalla coltivazione integrata. Questo effetto è già stato confermato da molti altri viticoltori biologici.

I Piwi sono richiesti

Dr. Johanna Döring
©Steffen Böttcher

La coltivazione biologica è quindi la salvezza? Kauer ha le idee chiare: "Per attuare il Green Deal dell'UE sulla riduzione dei pesticidi, possiamo fare progressi solo se ci affidiamo in larga misura alle varietà Piwi". L'allevamento è diventato molto più veloce, dice, perché si conosce la posizione dei geni di resistenza sui cromosomi. Non è più necessario testarlo per anni in prove sul campo. "In ogni caso, possiamo fare il grande salto solo con Piwis. Inoltre, con essi possiamo ridurre in modo significativo l'uso del rame, che è assolutamente necessario. Tuttavia, l'utilizzo delle varietà di piwi procede troppo lentamente, anche se al momento il materiale di piantagione è praticamente esaurito". Nutre inoltre grandi speranze per la gestione individuale del greening. "Naturalmente, ciò dipende in larga misura dall'approvvigionamento idrico. In Spagna, ad esempio, difficilmente potrò mantenere una copertura verde continua in estate, ma in inverno. Così ottengo l'apporto di azoto nel terreno anche lì. I fattori della biodiversità e dell'apporto di azoto alle viti giocano un ruolo importante. I prati magri e le piantumazioni di erba vanno bene, ma non possono ottenere questi effetti. È lì che avete già, e dove potete trasferire molto dalla viticoltura biologica a quella convenzionale in futuro".

Johanna Döring riprende un'argomentazione che si sente talvolta: "Alcuni pensano che la coltivazione integrata abbia una resa maggiore. Per questo motivo pratico la coltivazione integrata sull'80% della mia terra e lascio il 20% a maggese, dedicandolo alla biodiversità. Tuttavia, dalle nostre osservazioni possiamo dedurre che la variante integrata sembra perdere il vantaggio di resa in caso di carenza idrica, perché le differenze di resa non esistono più negli anni secchi. In molti parametri per lo studio della biodiversità, della flora e della fauna, le varianti biologiche sono nettamente in vantaggio - soprattutto grazie ai numerosi tipi di verde".

La viticoltura biologica non esiste gratuitamente.

Come scienziato e professionista, Randolf Kauer vede anche gli svantaggi dell'agricoltura biologica. "La peronospora ci pone dei limiti. Combattere questa malattia fondamentale con il rame è indispensabile. Solo in pochissime località possiamo fare a meno del rame. Se avessimo sempre annate secche, questo aiuterebbe il biologico, ma annate umide come il 2016 e il 2021 comportano enormi perdite di resa. Bisogna essere consapevoli che queste condizioni possono verificarsi per diversi anni di seguito, e bisogna essere in grado di sostenerle economicamente". A ciò si aggiunge il maggiore impiego di manodopera e il necessario peso nella protezione delle viti. "Se non si riesce a reagire rapidamente a certe situazioni meteorologiche, diventa difficile. Per questo c'è bisogno di manodopera. L'agricoltura biologica non è gratuita. Ha grandi vantaggi per tutti noi, ma per le singole aziende agricole comporta inizialmente un aumento dei costi, che devono essere calcolati. Il biologico è bello, ma bisogna anche essere in grado di vivere di questo". Tuttavia, vorrebbe incoraggiare i suoi colleghi viticoltori a provare l'agricoltura biologica: "Abbiate il coraggio di convertirvi al biologico! Fate le esperienze, anche se a volte sono negative. L'agricoltura biologica richiede una grande vicinanza alla terra, alla pianta, al clima, all'ecosistema, e questa esperienza può essere molto arricchente. Notiamo un interesse sempre crescente tra i nostri studenti. Auguro ai miei colleghi di aprirsi a questo, perché la domanda del mercato ci spinge sempre più in questa direzione".

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze