wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il consulente Franck Dubourdieu critica la strategia di marketing del Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux (CIVB), l'associazione di categoria, e chiede una riforma della comunicazione per valorizzare la diversità e l'identità dei vini AOC della zona.
Dubourdieu, ex commerciante di vini, oggi ingegnere agricolo, enologo e scrittore, descrive così la situazione del vino di Bordeaux al di fuori dei Grands Crus Classés: "Il marchio Bordeaux va bene per i turisti che ne fanno una destinazione turistica, ma non per gli amanti del vino. È generico, troppo vago. Bisogna incarnarlo attraverso i suoi diversi terroir: le Côtes, i Saint Emilions, i Médoc. Altrimenti è un guscio vuoto senza terroir, una fabbrica, insomma: un'industria". A suo avviso, il fatto che ora si torni a estirpare i premi e a distillare è una "ammissione del fallimento della politica ventennale del CIVB".

Secondo Dubourdieu, il marchio ombrello Bordeaux oscura l'identità dei vini della Gironda. La pubblicità deve concentrarsi proprio su questo aspetto e comunicare che i vini di Bordeaux offrono "uno dei migliori rapporti qualità-prezzo della Francia, se non del mondo". L'enfasi sul Bordeaux come unica denominazione contribuisce a rendere il Bordeaux un vigneto "semi-industriale" che si affida a pesticidi sintetici. Dubourdieu ha detto che vorrebbe vedere "una nuova generazione di viticoltori indipendenti di tutti i siti che imbottigliano e vendono il loro vino e prendono il potere nel CIVB".

(al / fonte: vitisphere; foto: Facebook/dubourdieu.franck)

Per saperne di più:
Nasce l'Unione dei "pirati di Bordeaux

Eventi nelle tue vicinanze