wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La vendemmia 2002 in Sudafrica passerà alla storia come la vendemmia più difficile degli ultimi 30 anni, da paragonare solo all'anno della peronospora del 1977. Ma nonostante le molte sfide, ci sono state anche molte opportunità per i viticoltori. Condizioni climatiche confuse hanno prevalso nel Capo per tutto l'anno, anche se l'anno ha avuto un inizio promettente con le piogge invernali che hanno finalmente riempito tutte le dighe e i serbatoi dopo quattro anni di siccità. L'inverno è stato insolitamente freddo, permettendo alle viti un riposo ristoratore. Le temperature fresche si sono estese fino a primavera inoltrata, portando i viticoltori a sperare in una maturazione lenta con maggiori concentrazioni di sapore nelle bacche. Anche se inizialmente ci si aspettava un raccolto da normale a grande, è diventato evidente all'inizio che le uve erano generalmente più leggere in peso, portando anche a una desiderabile maturazione lenta a causa del maggiore rapporto tra buccia dell'acino e semi. Un altro fenomeno relativamente raro in Sudafrica, ma accolto da molti nel 2002, è il raggiungimento della maturità fisiologica a un livello di zucchero inferiore. Di conseguenza, i vini hanno meno alcol potenziale. Tuttavia, non è stata solo la natura a giocare un ruolo importante nel 2002, ma anche il fattore umano - specialmente in un anno in cui determinazione, consapevolezza, esperienza e risorse finanziarie erano necessarie per il successo.

Le condizioni esterne promettevano un raccolto più abbondante e la maggior parte delle aree di coltivazione ha riferito di un budbreak buono e consistente. Nonostante questo, Stellenbosch, Paarl e Swartland hanno riportato le loro rese più basse in cinque anni dopo il raccolto. Quindi cosa era successo? La ragione risiede nelle numerose malattie che si sono verificate in Sudafrica quest'anno, nel basso peso dell'uva e nelle rese estremamente basse in alcune regioni. Il raccolto totale di 1.061.757 tonnellate (808 milioni di litri) è addirittura inferiore a quello del 2001, che era già basso in termini di resa. La regione del fiume Orange, per esempio, che è stata largamente risparmiata dalla pioggia, ha riportato un più 107% rispetto all'anno precedente. Numerose aziende vinicole, tuttavia, hanno riferito di aver fallito il raccolto. Famose e grandi aziende vinicole come Asara, Delheim, Simonsig e Slaley hanno avuto perdite tra il 30 e il 40 per cento, alcune anche fino all'80 per cento. I vitigni più colpiti sono stati gli importanti Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon e Merlot. Meno colpiti sono stati Pinotage, Syrah, Chardonnay e Chenin Blanc. Tuttavia, alcuni viticoltori hanno anche lottato con le viti di Chardonnay. In particolare Ross Gower di Klein Constantia era preoccupato per le zone infestate della nobile varietà bianca.

Le maggiori sfide per i viticoltori sono state la peronospora, la botrite e le ondate di calore insolitamente lunghe. Soprattutto le condizioni per la muffa erano perfette con molta pioggia, alte temperature e un'alta umidità. Così, l'oidio è apparso in regioni del Sudafrica dove in passato non era stata rilevata alcuna infestazione. Le viti di Merlot sono state più colpite dalla malattia, ma anche il Cabernet Sauvignon. Non è possibile definire le aree esatte perché, a seconda del microclima e del vitigno, le aree fortemente infestate erano proprio accanto a quelle sane. Molti viticoltori non erano preparati all'improvvisa infestazione. Soprattutto i viticoltori che si affidano alla viticoltura biologica sono stati colpiti e hanno sperimentato perdite fino al 100% per alcune varietà. James Farquharson di Reyneke Wines, per esempio, ha dovuto tagliare il 50% delle sue uve Pintoage, in modo che le poche foglie rimaste dopo l'infestazione di muffa potessero portare a maturazione le uve rimanenti. Spesso, la muffa poteva essere fermata solo con l'uso di spray chimici. Ma anche quelli che usavano prodotti chimici spesso spruzzavano troppo tardi o non avevano i mezzi finanziari per comprare abbastanza spray o non potevano usare le brevi pause tra i giorni di pioggia per spruzzare tutto il vigneto.

Le cantine più piccole erano avvantaggiate, perché erano in grado di spruzzare i loro interi vigneti in due o tre giorni. Gennaio, normalmente caldo e secco in Sudafrica, è stato freddo e piovoso, il che non solo ha portato a ulteriori muffe, che hanno danneggiato le foglie, ma anche alla botrite e al marciume acido. Chenin Blanc, Sauvignon Blanc e Chardonnay sono stati particolarmente colpiti. Durante questo periodo, era particolarmente importante selezionare rigorosamente a mano le aree infestate nel vigneto. Allo stesso tempo, il clima fresco ha offerto la possibilità di ottenere bacche di buona qualità con aromi piacevoli. In dicembre e gennaio le precipitazioni sono aumentate a 393 mm a Stellenbosch, 239 mm a Elign e un massimo di 543 mm a Paarl. Le regioni Swartland, Malmesbury e Piketberg, altrimenti secche, hanno riportato il doppio delle precipitazioni dell'anno precedente. Nel villaggio di Kuruman nel Kalahari, per esempio, in gennaio ha piovuto tanto in cinque giorni quanto in cinque anni. Già dodici mesi prima, i viticoltori del Capo si lamentavano del caldo insopportabile con numerosi incendi di arbusti nelle zone vinicole. Nonostante i problemi di gennaio, il 2002 avrebbe potuto essere ancora un buon anno, se l'optimusmus non fosse stato ulteriormente smorzato dalle intense ondate di calore che si sono verificate in febbraio.

Così, una costellazione insolita si è verificata nel mezzo del raccolto. Dalla fine di febbraio alla metà di marzo, un'ondata di caldo ha portato le temperature ben oltre i 30 gradi. Poi, poco prima di Pasqua, è caduta una media di 100 millimetri di pioggia in due giorni, che ha rovinato il raccolto di numerose fattorie. Se la pioggia non fosse caduta intorno a Pasqua, si sarebbe potuto sperare in una vendemmia di prima classe, ma dopo le ondate di calore, i vigneti umidi erano un vero terreno fertile per il marciume e in parte anche per la botrite. Il caldo indicibile ha fatto sì che le varietà bianche diventassero più piene e mature, così che non era raro che le varietà rosse e bianche maturassero insieme. Il sole che splendeva intensamente ha inoltre causato danni alle bacche e coloro che non avevano abbastanza umidità nel terreno in quel momento potevano perdere molte viti. Con la fine delle ondate di calore, il tempo fresco come in autunno è arrivato immediatamente ed è diventato difficile per i viticoltori portare le uve a maturazione tardiva alla piena maturazione fisiologica. Il Cabernet Sauvignon infettato dal virus, che difficilmente poteva sviluppare colore e poco alcol potenziale, ha avuto un momento particolarmente difficile. Questo cambiamento del tempo a metà del raccolto rende il raccolto di quest'anno uno dei più lunghi nella storia del Sudafrica. In alcune aziende, come l'Asara, c'è la possibilità di buoni vini Noble Late Harvest, ma per lo più è stato coinvolto il marciume acido, che molto spesso porta alla perdita totale dei vigneti colpiti.

Le condizioni climatiche sono molto simili alla vendemmia 1997, che ha prodotto alcuni Sauvignon Blancs di prima classe, poiché la fase di maturazione fresca e quindi prolungata ha un effetto positivo sull'intensità del frutto. Possiamo aspettarci i migliori risultati nei vini bianchi dal Sauvignon Blanc, seguito dallo Chardonnay. In alcune regioni possiamo anche aspettarci ottimi vini da botrite. Tra le varietà rosse, i migliori vini saranno vinificati dall'uva Shiraz, ma anche dal Merlot, se può essere raccolto tra le ondate di calore. Anche il Pinotage e il Cabernet Sauvignon senza virus hanno dato buoni risultati. La qualità dei vini è molto mista anche all'interno dei produttori. In un'annata così difficile, uno dovrebbe cercare i singoli produttori e i singoli prodotti quando compra il vino e non guardare ad un vitigno o ad una regione, perché raramente ci sono stati risultati così eterogenei nel vino sudafricano.

Tutto sommato, si può dire che molti dei viticoltori non vorrebbero altro che non avere un'altra vendemmia come quella del 2002, perché non solo i nervi dei viticoltori erano tesi, ma in parte - a causa dei programmi di irrorazione - anche i loro portafogli. È quasi certo che i prezzi del vino sudafricano aumenteranno. Questo non è solo dovuto alle quantità di raccolto molto più basse, ma anche al rand debole e quindi all'aumento dei costi delle cantine per botti, bottiglie, tappi e capsule. La qualità dei vini, che potevano già essere assaggiati come campioni di botte alla fiera Cape Wine, che ha avuto luogo in aprile, fa sperare generalmente in una qualità promettente. Tuttavia, la qualità dei vini rossi non raggiungerà annate come il 1998 o il 1999. Tra i vini bianchi, avremo alcuni grandi vini Botrytis, ma anche Sauvignon Blanc di prima classe come per esempio da Mulderbosch o Vergelegen. La qualità dei vini bianchi è generalmente un po' più alta di quella dei rossi, quindi possiamo aspettarci vini da decenti a buoni nonostante un'annata da incubo per la viticoltura.

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze