wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Meno espositori, meno visitatori: questa volta la ProWein si è trovata tra le conseguenze ancora evidenti di Covid, la mappatura delle tendenze attuali e la modalità di crisi dovuta ai massicci aumenti dei prezzi e alla carenza di materie prime.

Con circa 5.500 espositori provenienti da 60 Paesi per i gruppi di prodotti vino, Superalcolici e bevande artigianali, la ProWein di Düsseldorf è stata anche quest'anno la più grande fiera al mondo per i professionisti del settore. Tuttavia, ciò rappresenta un calo di quasi il 20% rispetto ai 6.900 espositori del 2019. Sebbene siano stati utilizzati tre padiglioni in più rispetto al solito per motivi sanitari, la superficie espositiva è stata di circa 4.000 mq in meno rispetto al 2019. I dirigenti di molte aziende non hanno nemmeno partecipato al viaggio: ad esempio, l'Associazione delle aziende vinicole tedesche Prädikat (VDP) è stata rappresentata questa volta da sole 78 cantine. Nel 2020, 129 aziende vinicole del VDP si erano registrate per partecipare alla fiera poi rinviata.

Corridoi vuoti, visi lunghi

Secondo i dati di Messe Düsseldorf, i visitatori sono stati solo 38.000, ovvero oltre il 35% in meno rispetto al 2019, quando se ne erano contati 61.500. Molti esperti se lo aspettavano, dato che questa volta molti visitatori provenienti da Cina, Stati Uniti e Russia erano assenti a causa di restrizioni sanitarie o politiche. Il calo significativo ha causato musi lunghi a molti espositori perché le loro aspettative non sono state soddisfatte. Mentre la Deutschlandhalle era ancora abbastanza affollata, in altri padiglioni si vedevano spesso solo viticoltori che assaggiavano i vini dei loro colleghi vicini. Questo ha depresso l'umore degli espositori.

Ma gli organizzatori vedono la fiera anche come un palcoscenico per le tendenze attuali: hanno stabilito le priorità per quattro grandi temi emersi negli anni delle chiusure dovute alla pandemia: Bevande analcoliche e ridotte, sostenibilità, rosé e l'importanza sempre crescente dell'enoturismo.

Inflazione e carenza di materiali

Nel primo trimestre del 2022, le famiglie tedesche hanno acquistato il 18% di vino in meno rispetto allo stesso periodo del 2021, che tuttavia ha prodotto cifre di vendita eccezionali a causa della pandemia di Covid 19 e delle restrizioni nel settore della ristorazione. Le vendite di vino sono quindi al livello del primo trimestre del 2020. L'amministratore delegato dell'Istituto Tedesco del Vino (DWI), Monika Reule, teme un ulteriore calo a causa del forte aumento del costo della vita. "Finché la situazione economica tesa non migliorerà, c'è da temere che questo sviluppo continuerà".

Inoltre, gli aumenti estremi dei prezzi delle bottiglie, dei cartoni, delle etichette, dell'energia e del trasporto stanno gravando sui produttori e sugli imbottigliatori. Questi aumenti di prezzo devono essere trasferiti ai consumatori, almeno in larga misura. Chi è ancora fornito può ritenersi fortunato. Molte aziende vinicole in tutta Europa non riescono a imbottigliare i loro vini perché non riescono a procurarsi il materiale necessario, anche a fronte di una spesa maggiore.

L'alcol zero sta diventando importante

L'offerta di vini analcolici e di Superalcolici è attualmente in crescita. Soprattutto i consumatori più giovani preferiscono ricorrere a queste alternative. Secondo un'analisi di IWSR, ricercatori di mercato specializzati in dati industriali, questo mercato è cresciuto di quasi un quarto dal 2018 al 2021, passando da 7,8 a 10 miliardi di dollari. Inoltre, sono state organizzate diverse presentazioni e degustazioni. Il trend show "Same but different" nel padiglione 7.0 era dedicato alle parole chiave "Mindful Drinking" e "Sober Curiosity". I fornitori di vini analcolici e Superalcolici alla ProWein provenivano da Australia, Belgio, Germania, Francia, Italia, Canada e Paesi Bassi. Oltre a vini e spumanti, sono stati presentati anche whisky, gin e aperitivi senza alcol.

Il vino diventa sostenibile

La parola d'ordine "sostenibile" viene attualmente utilizzata in modo quasi inflazionato nel mondo del vino. Soprattutto sul sito settore del vino, i cambiamenti che affrontano seriamente gli aspetti della sostenibilità stanno assumendo un ruolo sempre più importante. Dopo tutto, si tratta di preservare un bene culturale per le generazioni future. Il cambiamento climatico sta costringendo i produttori di vino ad adattare i vigneti, i metodi di coltivazione e, in ultima analisi, anche gli stili di vino.

A tal fine, l'associazione Fair and Green ha presentato il libro "Sostenibilità olistica nel sito settore del vino - Soluzioni sostenibili per l'intera catena del valore", che fornisce una panoramica sullo stato attuale dell'attuazione della sostenibilità in viticoltura e una prospettiva. I contributi di esperti provenienti dalla pratica, dalla scienza, dalla ricerca e dalla consulenza forniscono una panoramica dei temi e degli aspetti della sostenibilità. Fanno luce sugli aspetti economici, ecologici e sociali della sostenibilità.

Inoltre, diversi eventi si sono occupati di soluzioni sostenibili per la produzione, l'imballaggio e il trasporto.

Il rosé è sempre più buono

L'Istituto Tedesco del Vino (DWI) ha dedicato il suo stand alla tendenza globale verso il rosé. L'amministratore delegato di DWI, Monika Reule, vede ancora un grande potenziale per i vini rosati tedeschi: "La Germania è il quinto produttore mondiale di rosati e contribuisce per il 4% al mercato globale dei vini rosati".

I 20 migliori rosé della Germania, selezionati da una giuria internazionale proveniente dai più importanti paesi esportatori, sono stati offerti in degustazione. Anche i vini spumanti rosati sono stati presentati in dettaglio in una degustazione commentata in ogni giorno della fiera.

I giurati del concorso hanno sottolineato che i vini rosati e gli spumanti tedeschi hanno avuto un enorme incremento di qualità negli ultimi anni e non devono sottrarsi alla concorrenza internazionale.

Portare il camper al vino

La tendenza al turismo regionale ha dato un impulso anche all'enoturismo. È diventato un importante canale di vendita e di immagine per i viticoltori. Inoltre, il campeggio e il caravanning sono diventati estremamente popolari negli anni della pandemia. Molte cantine offrono già piazzole per camper. Per questo motivo la ProWein collabora da tempo con la fiera di Düsseldorf "Caravan Salon" e ha presentato le ultime novità di questo settore, che promette ancora molte sinergie, in una mostra speciale.

Anche la ProWein ha sfruttato il successo dello champagne, con un aumento del fatturato e delle vendite di oltre il 30% solo nel 2021. 120 produttori di champagne hanno versato alla ProWein, molti dei quali nella Champagne Lounge. Le cantine e le associazioni biologiche di Italia, Francia, Germania, Spagna e Grecia, nonché i viticoltori Demeter, hanno presentato i loro vini attuali nel padiglione 5.

© Foto: Messe Düsseldorf, Constanze Tillmann

Per saperne di più:

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze