wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Tutti lo sanno, ma nessuno lo beve. Quelli che si suppone siano intenditori di vino danno il bianco sottile e insignificante del discount un'ampia occhiata. Ma attenzione: il Soave può anche essere diverso. Ha questa pessima reputazione a causa delle enormi masse prodotte in pianura che riempiono gli scaffali dei vini economici soprattutto in Germania e nel Regno Unito. D'altra parte, è uno dei vini bianchi più belli ed espressivi d'Italia quando viene dalle colline. Quindi, vale sicuramente la pena dare un'occhiata più da vicino a questo vino bianco dal bel nome, che viene prodotto a est di Verona.
Fonti di cifre e immagini: Consorzio di Tutela Soave

Il Soave condivide il suo destino con l'ancor più famoso Prosecco, che ha anche due facce. Come per il Prosecco, le migliori Soaves provengono da vigneti di collina e sono principalmente prodotte da piccole cantine familiari. La maggior parte delle viti, tuttavia, cresce nelle fertili pianure lungo l'autostrada Verona-Venezia e generalmente produce vini bianchi senza carattere e neutri. Sono prodotti da cooperative, commercializzati da imbottigliatori anonimi e venduti nei nostri supermercati a meno di 2 euro. Quindi è comprensibile che molti consumatori pensino a un vino economico quando sentono il nome Soave.

Massa e classe

Oggi, un totale di 47 milioni di bottiglie sono messe in circolazione con il nome di Soave. Quasi 6300 ettari di vigneti - in pianura e in collina - sono coltivati per questo. 2870 viticoltori, 190 cantine autogestite, 50 imbottigliatori - queste sono le persone dietro il marchio Soave.

Tuttavia, è reso molto difficile per i consumatori orientarsi. Chi presta attenzione alle scritte in piccolo quando fa shopping? A chi importa se c'è scritto Soave, Soave Classico, Soave Colli Scaligeri o Soave Superiore sull'etichetta e cosa si nasconde dietro questi nomi?

Diamo un'occhiata più da vicino: dei 47 milioni di bottiglie di Soave prodotte, solo dodici milioni sono etichettate come Classico. Provengono dalla zona centrale, definita già nel 1931 e chiamata zona classica, che comprende circa 1500 ettari di vigneti. Confina con i comuni di Soave e Monteforte d'Alpone a sud e raggiunge Castelcerino e Brognoligo a nord. La maggior parte dei famosi viticoltori hanno qui i loro vigneti. Tuttavia, sarebbe sbagliato pensare che fuori dalla zona del Classico ci sia solo terra piatta e vino di massa. È vero che i vini scontati etichettati come Soave DOC provengono dalla pianura, ma intorno all'area del Classico si trova un'altra sottozona collinare dove vengono prodotti diversi Soave eccellenti (vedi anche la mappa).

Fonti cifre e immagini: Consorzio di Tutela Soave

Circa quindici anni fa, a queste colline fu dato il nome fantasioso di Colli Scaligeri. Questa era una soluzione per i vini che, secondo il regolamento di produzione, dovevano portare anche la semplice denominazione Soave DOC e quindi non potevano distinguersi dai vini economici. All'inizio, molti viticoltori usavano questa denominazione aggiuntiva, che non era esattamente accattivante e difficile da pronunciare per le lingue straniere; oggi, si trova su poco meno di 100.000 bottiglie. Semplicemente non è stato capito dai consumatori. Così, la maggior parte dei vini della sottozona creata artificialmente sono oggi nuovamente commercializzati come Soave DOC - il che non semplifica esattamente la comunicazione. In sintesi, si può dire che sotto il nome di Soave DOC si può ottenere merce a buon mercato (la parte predominante) così come la qualità superiore - naturalmente a prezzi completamente diversi.

Il disciplinare di produzione prescrive una resa massima per ettaro di 14 tonnellate sia per il Soave Classico DOC che per il Soave Colli Scaligeri DOC, mentre 15 tonnellate per ettaro sono consentite per il Soave DOC. Anche se sulla carta le rese non differiscono molto, va notato che in pratica la resa massima per i vini della zona collinare è di circa 10-12 tonnellate, in alcuni vigneti con viti più vecchie anche notevolmente inferiore.

E cos'è il Superiore? Il Soave Superiore DOCG è stato introdotto nel 2001 ed è teoricamente in cima alla piramide della qualità. Tuttavia, solo 350.000 bottiglie di questi vini Soave concentrati e a più alta gradazione alcolica vengono imbottigliati, poiché il mercato tende a richiedere il tipo più fresco ed elegante. Può essere prodotto nelle sottozone Classico e Colli Scaligeri, ma è soggetto a regolamenti di produzione più severi: La resa massima per ettaro è di 10 tonnellate, l'alcol minimo è del 12% in volume, e può essere messo in vendita solo a partire dal 1° aprile dell'anno successivo al raccolto.

Fonti di cifre e materiale grafico: Consorzio di Tutela Soave

Da non dimenticare il Recioto di Soave DOCG, un vino dolce fatto di uve appassite, che è permesso produrre nelle sottozone Classico e Colli Scaligeri. Per il Recioto, le uve migliori vengono raccolte in una speciale pre-raccolta e stese con cura su stuoie o appese a corde per asciugare. Questo processo, chiamato "appassimento", non comporta solo la disidratazione dell'uva, ma anche una serie di processi microbiologici che avvengono sulla buccia dell'uva e all'interno dell'acino. In inverno, l'uva viene pigiata e inizia un lento processo di fermentazione. L'alta concentrazione di zucchero fa sì che i lieviti lottino mentre viene trasformato in alcol, in modo che la fermentazione si fermi prima che tutto lo zucchero sia fermentato (il contenuto minimo di zucchero residuo richiesto è 70g/l).

Il Recioto di Soave è uno dei più famosi vini passiti italiani. È tanto più triste che la sua produzione sia in declino, solo 100.000 bottiglie sono ancora prodotte oggi.

Fonti di cifre e materiale grafico: Consorzio di Tutela Soave

Aggiornamento attraverso siti riconosciuti

Il fatto che non tutti i Soave siano uguali ha a che fare non solo con l'abilità e lo stile dell'enologo, ma anche con le diverse condizioni del suolo della denominazione. Gran parte delle viti sono piantate su terreni vulcanici e neri, in particolare quelli della fascia di colline tra Soave e Monteforte d'Alpone e quelli della collina di Roncà a est. Le viti vicino a Colognola e nella valle d'Illasi a ovest della denominazione, invece, crescono su terreni calcarei, un terzo nella fertile pianura padana. Inevitabilmente, i vini sono molto diversi. I vini dei suoli vulcanici sono più minerali e potenti, mentre i suoli calcarei danno vini più magri, più fini e con aromi più fruttati.

Per trasformare queste peculiarità in un valore aggiunto per la denominazione, i diversi microclimi e suoli sono stati studiati per un periodo di poco più di 20 anni, e alla fine sono stati elaborati 33 grandi vigneti, le cosiddette "unità geografiche supplementari". 28 di essi si trovano nella zona del Classico, altri tre a ovest nella valle d'Illasi e vicino a Mezzane, e due a est della denominazione vicino a Roncà.

I nomi di questi siti riconosciuti, chiamati UGA (unità geografiche aggiuntive), sono: Broia, Brognoligo, Ca'del Vento, Calvarina, Campagnola, Carbonare, Casarsa, Castelcerino, Castellaro, Colombara, Corte Durlo, Costalta, Costalunga, Coste, Costeggiola, Croce, Duello, Fittà, Foscarino, Froscà, Menini, Monte Grande, Paradiso, Pigno, Ponsara, Pressoni, Roncà-Monte Calvarina, Rugate, Sengialta, Tenda, Tremenalto, Volpare, Zoppega. Sulla mappa interattiva del consorzio, gli amanti del Soave interessati possono studiare più in dettaglio i singoli vigneti.

Affinché un Soave possa portare in etichetta una di queste aggiunte geografiche, le uve utilizzate devono provenire esclusivamente da vigneti del vigneto corrispondente e devono essere state vinificate separatamente. Non sono prescritte regole di produzione più severe sotto forma di rese inferiori per ettaro. Per la prima volta, le denominazioni aggiuntive appaiono sulle bottiglie dell'annata 2019. 23 delle 33 denominazioni di vigneti possibili sono già state utilizzate dai viticoltori per questa annata. Secondo il consorzio, sono stati imbottigliati circa 3,5 milioni di Soave 2019 con denominazione del vigneto.

Con l'introduzione dei grandi vigneti, i Soave provenienti da vigneti collinari devono essere migliorati. In questo modo, gli amanti del vino impareranno da dove proviene esattamente il vino che stanno bevendo e, attraverso di loro, avranno l'ulteriore opportunità di conoscere gli effetti delle diverse combinazioni di terreni, altitudine e clima.

Fonti di cifre e immagini: Consorzio di Tutela Soave

Vino di terroir

Il Soave è raramente una bomba di frutta intensamente aromatica, ma colpisce sempre al naso con note sottili che spesso ricordano i fiori bianchi, la frutta gialla matura e gli agrumi. Pertanto, è tanto più importante che il viticoltore lavori in modo pulito in cantina: L'igiene, il controllo della temperatura e l'invecchiamento riduttivo sono i presupposti per far emergere con precisione le sottili differenze tra i siti.

Si può dire che le condizioni di coltivazione sono più decisive per il carattere di un Soave che le varietà. Il vitigno Garganega determina il vino con una quota minima del 70 per cento, ma fino al 30 per cento, possono essere usati anche Trebbiano di Soave e Chardonnay. Il Trebbiano è davvero molto importante per molti viticoltori, poiché dà struttura e complessità alla Garganega più elegante, e allo stesso tempo, porta con sé una buona acidità. Tuttavia, nonostante le sue caratteristiche positive, la superficie coltivata a Trebbiano è in costante diminuzione negli ultimi anni perché è meno produttiva e più difficile da coltivare rispetto alla Garganega. Oggi, circa 6000 ettari sono piantati con Garganega, 110 ettari con Trebbiano e 216 ettari con Chardonnay.

Fonti cifre e immagini: Consorzio di Tutela Soave

Le viti sono coltivate principalmente nella tradizionale pergola veronese, che era stata screditata in passato, ma che ora sta vivendo una rinascita, soprattutto in tempi di cambiamenti climatici, perché le uve non sono esposte alla luce solare diretta. Oggi, un buon 85% delle viti cresce di nuovo nel sistema a pergola e viene coltivato manualmente. Il sistema Guyot è usato quasi esclusivamente in pianura, dove le uve sono raccolte meccanicamente.

Soave nominato patrimonio agricolo

Nel novembre 2018, i vigneti di Soave sono diventati la prima area vinicola italiana ad essere designata come Patrimonio Agricolo (Globally Important Agricultural Heritage Systems) dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura. I seguenti aspetti sono stati decisivi per questo: il metodo di allevamento a pergola veronese, le terrazze di vite assicurate con muri a secco, la produzione di Recioto da uve appassite, così come il fatto che a Soave, nonostante una piccola dimensione media dell'azienda, la viticoltura ha fornito un reddito a circa 2500 famiglie per 200 anni. Infatti, la zona tra Monteforte e Soave è rimasta in gran parte immutata da oltre 100 anni.

A proposito, wein.plus ha dimostrato regolarmente per molti anni che il Soave può essere un meraviglioso vino bianco con il suo BEST-OF. Clicca qui per il numero attuale.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze