wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il consumo di vino in Germania è rimasto quasi invariato nella scorsa campagna vinicola rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questo è stato annunciato dall'Istituto tedesco del vino (DWI) sulla base del bilancio del consumo di vino, che è stato preparato dall'Associazione tedesca dei viticoltori per il DWI. Il saldo comprende tutti gli acquisti di vino nel commercio e presso i produttori, così come il consumo di vino nella gastronomia e quindi rappresenta l'intero consumo di vino tedesco.

Secondo il DWI, il consumo pro capite di vino nel 2016 è stato di 20,6 litri, che è solo 0,1 litri in più rispetto all'anno precedente. Tuttavia, secondo l'attuale analisi del mercato del vino, che il DWI commissiona ogni anno all'istituto di ricerche di mercato GfK, l'anno scorso gli acquisti di vino puro delle famiglie sono stati inferiori di circa l'uno per cento rispetto al 2015. Anche il valore dei vini acquistati è diminuito leggermente dell'1,6 per cento. "Tuttavia, questo è stato compensato dal consumo fuori casa", il portale internet cash.ch cita il portavoce di DWI Ernst Büscher. "La gente si concede più vino nella gastronomia"

La maggior parte dei vini acquistati in Germania proveniva dalla produzione nazionale: secondo il DWI, i produttori di vino tedeschi sono stati in grado di mantenere la loro quota di mercato del 45% delle vendite totali di vino nel 2016 e di aumentare la loro quota di mercato del fatturato di un punto percentuale al 51%. Con una quota invariata del 16%, i vini italiani sono secondi nella scala di popolarità tra i consumatori tedeschi. Seguono i vini francesi con il dodici per cento - che significa una diminuzione di un punto percentuale - e i crescenti spagnoli con un otto per cento costante.

(CS / comunicato stampa / cash.ch; foto: DWI)

Eventi nelle tue vicinanze